sideara-image

Lorem ipsum dolor sit . Proin gravida nibh vel vealiquete sollicitudin, lorem quis bibendum auctonisilin sequat. Nam nec tellus a odio tincidunt auctor ornare.

Stay Connected & Follow us

Che cosa stai cercando?

Inserisci la parola e noi ti aiuteremo a trovare quel che cerchi

02.84154 | info@campaniacom.it

 

ADSL o Fibra? Connessioni a confronto

ADSL o Fibra? Connessioni a confronto

ADSL o fibra ottica? Se fino a qualche anno fa la domanda sarebbe parsa abbastanza incomprensibile, oggi che la connessione a Internet è diventata un’utenza pari per importanza alle utenze di luce o gas, è più che legittimo porsi questo quesito.

In effetti, ADSL e fibra ottica non sono nemmeno le uniche possibilità per connettersi alla Rete all’interno delle pareti domestiche, ma sono sicuramente le più diffuse. La differenza principale tra le due è la diversa tecnologia di connessione di rete. L’ADSL (Asymmetric Digital Subscriber Line) è una tecnologia che consente la trasmissione di dati utilizzando il doppino telefonico tradizionale: questo rappresenta un considerevole vantaggio in quanto si possono utilizzare i cavi esistenti senza necessità di installare nuove infrastrutture di telecomunicazione. La fibra ottica invece viaggia su cavi di fibra di vetro che permettono la propagazione di segnali ottici. Per questi è richiesta una nuova installazione e un adeguamento delle infrastrutture. In più, è necessario conoscere la copertura di rete, vale a dire se una zona geografica è raggiunta dal segnale perché dispone dei servizi a banda larga o a banda ultralarga o meno.

Un’altra differenza sostanziale tra i due sistemi sta nella velocità di trasmissione dei dati. L’ADSL è definita asimmetrica perché caratterizzata da velocità differenti di trasmissione (upload) e ricezione (download), quest’ultima maggiore rispetto alla prima. Per questo risulta maggiormente adatta all’utilizzo residenziale, dove le operazioni più comuni sono la navigazione in Internet e il download di dati. Al contrario, non consente un efficace funzionamento dei servizi di telefonia (per esempio VOIP) e la condivisione di file.

La fibra ottica assicura invece una performance maggiore, sfruttando un’ampiezza di banda di gran lunga superiore rispetto all’ADSL e garantendo quindi una velocità di connessione più alta. Per intenderci, se con una ADSL è possibile viaggiare al massimo a una velocità di 20 Mega in download, con una connessione in fibra ottica la velocità aumenta almeno a 30 Mega, fino ad arrivare a 100 Mega in alcune città o addirittura a 300 Mega in alcune zone di Milano e Bologna.

La stessa fibra ottica può poi garantire prestazioni differenti a seconda che si disponga di una connessione FTTH, sigla che sta per Fiber to the Home e che definisce il caso in cui la centralina sia installata nel condominio stesso e il cavo in fibra arrivi fino alla casa dell’utente, o che si disponga di una connessione Fiber to the Cabinet (FTTC o Fiber to the Street) in cui la centralina si trova nelle vicinanze dell’abitazione, con la conseguenza che la connessione sarà in parte soggetta a dispersioni del segnale (nel tratto fra l’ultima centralina e l’abitazione).

Le linee in fibra ottica garantiscono prestazioni più elevate anche in termini di resistenza elettrica e influenza da disturbi elettromagnetici o tolleranza a condizioni climatiche avverse; un ulteriore vantaggio è rappresentato da una maggiore sicurezza alle intercettazioni.

Ma allora quali sono i possibili svantaggi dello scegliere la fibra ottica piuttosto che l’ADSL?

Innanzitutto, la copertura di rete, perché la fibra ottica non è disponibile sull’intero territorio ed è al contrario necessario verificare con una prova di geolocalizzazione se la zona in cui si abita è raggiunta dal servizio. E ancora, il costo più elevato, una discriminante tuttavia sempre meno rilevante visto che la diffusione della tecnologia e la sempre maggiore concorrenza tra gli operatori ne abbassano necessariamente i costi.

Scegliere tra ADSL e fibra diventa allora una valutazione che dipende dalle proprie esigenze di consumo e dall’uso che si fa della rete. Va da sé che l’utilizzo domestico per navigare o scaricare contenuti in rete comporta che si possa optare per una ADSL, magari nella versione ADSL flat che consente una maggiore tranquillità in termini di tempo speso online e di controllo dei costi dell’abbonamento (in quanto il costo è fisso e non a consumo). La necessità di uploadare grandi quantitativi di dati o accedere a servizi di streaming, gaming online e videochiamate senza interruzioni necessita invece una rete in fibra ottica, più costosa ma -come detto- molto più efficiente.

 

 

Fonte: www.segugio.it

Share
Top
WhatsApp chat